ERNIA DEL DISCO E ADDOMINALI

Video

Cari lettori,
oggi parliamo di addominali e di ernia del disco.

In questo video vi presento una proposta di esercizi per gli addominali adatta a coloro che soffrono di ernia del disco, associata anche a mal di schiena.

La maggior parte delle ernie discali si presenta a livello lombare (ovvero a livello della bassa schiena) e, se in fase acuta, costringono molte persone a letto.
Il dolore spesso è intenso, può irradiarsi al gluteo o a tutta la gamba fino a raggiungere il piede nei casi più gravi.

Il trattamento delle ernie lombari, quando non incidano nettamente sulla qualità della vita, può essere di tipo conservativo, ovvero includere trattamenti fisioterapici, osteopatici, oppure esercizi mirati che possano aiutare a gestire meglio questa condizione.

Gli esercizi per gli addominali non sono adatti a tutti e non tutti possono eseguirli allo stesso modo.
Chi soffre di ernia del disco può avere dolore durante il chinarsi oppure mentre porta il busto in avanti o indietro.
Ecco perchè risulta di fondamentale importanza proporre una serie di esercizi specifici per le persone che sono afflitte da ernia discale.

A questo proposito è utile fare una premessa.

Analizziamo meglio i muscoli addominali, dal punto di vista anatomico e funzionale.

Gli addominali sono suddivisi in:

  • Muscolo trasverso dell’addome

Ha origine, indirettamente dalla colonna lombare tramite la fascia toraco-lombare, si porta poi in avanti, profondamente a livello dell’addome ed ha la funzione di contenere i visceri (intestino, vescica etc). Oltre a questo, è un muscolo cosiddetto espiratore accessorio, perchè partecipa durante la espirazione forzata (per esempio durante la fase espulsiva del parto) .

Il retto dell’addome è la parte più profonda dei muscoli addominali, perchè è quella che si pone maggiormente in relazione con gli organi interni (stomaco, fegato, intestino etc.)

  • Muscolo retto dell’addome

Ha origine dalla parte più inferiore dello sterno e si inserisce alle ossa del pube, con due unici fasci di fibre e decorso verticale.  La sua funzione è quella di inclinare il busto in avanti e quella di partecipare alla espirazione forzata.

Il retto dell’addome costituisce il fascio di fibre muscolari più superficiali nel corpo umano

  • Muscolo obliquo dell’addome

Origina dalle costole e si inserisce, in diversi punti, alle ossa laterali del bacino e al muscolo retto dell’addome.  La sua funzione è quella di stabilizzare il retto e quella di ruotare il busto nei due lati.

Le vertebre della colonna lombare hanno una buona escursione articolare durante l’inclinazione laterale, anteriore e posteriore del busto.  Il disco che è posto tra le vertebre è, così, in grado di accomodarne i movimenti fungendo da ammortizzatore delle forze che si scaricano sul tratto lombare della colonna.

La rotazione, invece, è il movimento che è maggiormente limitato nelle vertebre lombari, a causa della loro conformazione anatomica, che non conferisce più di 1 grado di movimento in torsione, proprio perchè i dischi tra le vertebre non sono in grado di sopportare meccanismi di torsione.

Nel caso dell’ernia lombare, e se non si avverte dolore durante la espirazione forzata, sarà bene prendere spunto dagli esercizi indicati nel mio video, che si basano prevalentemente sulla funzione respiratoria dei muscoli addominali.

In questo modo saranno coinvolte tutte e tre le parti anatomiche indicate in precedenza, ma mantenendo il busto eretto e sfruttando solo la respirazione. I dischi intervertebrali non saranno così costretti a sopportare carichi eccessivi (specie in torsione del busto) mentre i muscoli addominali potranno essere rinforzati ed allenati in sicurezza anche da tutti coloro che soffrono di ernie alla colonna vertebrale.

Provate gli esercizi e verificatene l’efficacia.

Alla prossima!

Annunci

IL SORRISO: LA CURA MIGLIORE – Comunicazione Personal Trainer – Cliente

Cari lettori,

Questa settimana parliamo di un argomento non così spesso affrontato ma di vitale importanza, soprattutto per chi fa il mio lavoro, ovvero per chi si occupa delle persone e del loro benessere.

Mai come in questo periodo storico che stiamo vivendo – in cui si assiste al crollo inesorabile di valori importanti come l’amicizia, la solidarietà e la famiglia – c’è bisogno di un sorriso e di una maggiore rassicurazione. Non parlo solo in termini fisici di allenamento, alimentazione o terapie. Parlo soprattutto in termini umani, che è l’aspetto che noto con dispiacere essere l’anello mancante nella comunicazione odierna.

Trattare bene una persona, nella sua interezza, darle la giusta importanza nel momento in cui lui o lei si rivolgono a noi per raggiungere un obiettivo , una cura oppure un semplice consiglio, è di vitale importanza per la gestione delle relazioni professionali tra operatore e cliente o tra terapista e paziente.

L’articolo che riporto alla fine del testo ha indagato come le migliori capacità comunicative nell’ambito ospedaliero abbiano consentito un miglioramento netto delle condizioni dei pazienti ed un livello di soddisfazione maggiore. Questo dimostra come mettersi in gioco dal punto di vista comunicativo sia più che mai fondamentale non solo per i medici ma anche per il Personal Trainer nei confronti delle persone che assiste.

Il sorriso

Si dice che il sorriso non costi nulla. Eppure, non è mai abbastanza sul volto di chi fa il mio mestiere. Il sorriso è il biglietto da visita, è la vetrina, è la prima impressione.

Se sorridi sei accogliente. Probabilmente il nuovo Cliente o il paziente si fiderà di più e sarà più incline ad ascoltare i tuoi suggerimenti.

L’ascolto

Altra perla rara nel mondo del fitness in generale ma non solo.

Cosa significa ascoltare veramente? Significa mettere la persona al centro del pensiero e dell’attenzione in quell’ora o meno di durata della seduta di allenamento o di trattamento fisico. Significa accantonare il resto ed “esserci”. Le persone non chiedono tanto. Ma osservano e notano se ci “siamo” davvero, se magari ci siamo ricordati che la settimana precedente avevano un incontro di lavoro importante oppure se i figli hanno superato con successo un esame.

Ascoltare davvero non è facile, ma nemmeno impossibile.

Per ascoltare dobbiamo essere lì, nel presente, con il nostro cliente, ma per davvero.

Se ascoltiamo, le persone si sentono accolte e più inclini ad essere costanti nel programma di allenamento o nelle terapie. E’ una questione puramente “di pancia” : abbiamo bisogno di essere coccolati, ogni tanto.

Le espressioni facciali

Sembra strano come discorso, eppure influiscono tantissimo.

Se è vero che il linguaggio verbale influisce per una piccola percentuale soltanto nella comunicazione, è utile guardarsi allo specchio.

Il viso racconta, eccome se racconta. Il modo in cui aggrottiamo la fronte o muoviamo gli angoli della bocca può far percepire al nostro cliente messaggi nascosti, più o meno gradevoli. Quasi mai ci facciamo caso, eppure il viso è lo specchio di ciò che pensiamo.

Vi consiglio un libro molto interessante a proposito: “Giù la maschera” di Paul Eckman (allievo di Darwin) e Wallace V. Friesen , Edizioni Giunti

Facciamo attenzione alle espressioni facciali. Magari non tutti i nostri Clienti o pazienti sono così sensibili da coglierne le sfumature, ma alcuni lo sono e lo notano.

Il viso può creare barriere o costruire rapporti solidi e di fiducia.

Se vogliamo avere successo come Personal Trainer o terapisti di fiducia, non possiamo esimerci dal lavorare su noi stessi, ogni giorno.

Nonostante le difficoltà, le giornate non sempre facili, gli impegni.

Facciamo la differenza se sappiamo comunicare bene e lasciamo vivere il nostro lato umano.

Articolo banale e scontato?

Guardatevi allo specchio!

Alla prossima!

Fonte:

A Better Patient Experience Through Better Communication, Lang EV. J Radiol Nurs. 2012 Dec 1;31(4):114-119.