IL DIAFRAMMA: RESPIRARE BENE PER STARE BENE

Video

Cari lettori,
Oggi Vi propongo un video tutorial direttamente dal mio Canale YouTube, in cui Vi mostro la corretta respirazione con il diaframma.

Che cos’è il diaframma?
Il diaframma è una cupola di fibre muscolari, che hanno origine dalla dodicesima vertebra toracica e dalle prime due vertebre lombari. Si porta da dietro in avanti sul torace ed è ancorata alle ultime coste.

La funzione del diaframma è quella di espandere le ultime coste della cassa toracica per consentire una corretta respirazione con l’addome e, quindi, un corretto mantenimento delle pressioni interne sia nel torace che nell’addome.
Ricordo che il torace, per la presenza dei polmoni, avrà sempre una pressione interna positiva, deputata all’espansione della gabbia toracica per la respirazione.
L’addome, invece, deve mantenere una pressione interna negativa per evitare squilibri a carico dei visceri (stomaco, fegato, intestino, pancreas).

Quindi il corretto funzionamento del diaframma è vitale: mantiene le pressioni di torace e addome in equilibrio.

Una curiosità: Lo sapete che respirare correttamente con il diaframma può prevenire il dolore al collo?

Alcuni muscoli del collo vengono chiamati anche “inspiratori accessori”, perchè le loro terminazioni fibrose si trovano sulle prime 3 coste della gabbia toracica. La loro contrazione favorisce, quindi, il sollevamento di queste coste e, di conseguenza, la funzione primaria della respirazione è mantenuta.

Ma attenzione: i muscoli inspiratori accessori dovrebbero intervenire solo qualora il diaframma non mantenga la sua fisiologia (per esempio in alcune patologie di tipo neurologico). La funzione “accessoria” di questi muscoli dovrebbe comparire, effettivamente, solo in casi di emergenza.

Ma spesso lo stress e la vita quotidiana non favoriscono una corretta respirazione con il diaframma. Ecco perchè molte persone respirano “con il torace” e soffrono di fastidi o dolori in cervicale.

In questo video tutorial imparerete ad utilizzare correttamente il diaframma.
Esercitatevi spesso in questo esercizio e noterete benefici immediati sia a livello posturale, che nella qualità di vita.

Alla prossima!

Annunci

IL SORRISO: LA CURA MIGLIORE – Comunicazione Personal Trainer – Cliente

Cari lettori,

Questa settimana parliamo di un argomento non così spesso affrontato ma di vitale importanza, soprattutto per chi fa il mio lavoro, ovvero per chi si occupa delle persone e del loro benessere.

Mai come in questo periodo storico che stiamo vivendo – in cui si assiste al crollo inesorabile di valori importanti come l’amicizia, la solidarietà e la famiglia – c’è bisogno di un sorriso e di una maggiore rassicurazione. Non parlo solo in termini fisici di allenamento, alimentazione o terapie. Parlo soprattutto in termini umani, che è l’aspetto che noto con dispiacere essere l’anello mancante nella comunicazione odierna.

Trattare bene una persona, nella sua interezza, darle la giusta importanza nel momento in cui lui o lei si rivolgono a noi per raggiungere un obiettivo , una cura oppure un semplice consiglio, è di vitale importanza per la gestione delle relazioni professionali tra operatore e cliente o tra terapista e paziente.

L’articolo che riporto alla fine del testo ha indagato come le migliori capacità comunicative nell’ambito ospedaliero abbiano consentito un miglioramento netto delle condizioni dei pazienti ed un livello di soddisfazione maggiore. Questo dimostra come mettersi in gioco dal punto di vista comunicativo sia più che mai fondamentale non solo per i medici ma anche per il Personal Trainer nei confronti delle persone che assiste.

Il sorriso

Si dice che il sorriso non costi nulla. Eppure, non è mai abbastanza sul volto di chi fa il mio mestiere. Il sorriso è il biglietto da visita, è la vetrina, è la prima impressione.

Se sorridi sei accogliente. Probabilmente il nuovo Cliente o il paziente si fiderà di più e sarà più incline ad ascoltare i tuoi suggerimenti.

L’ascolto

Altra perla rara nel mondo del fitness in generale ma non solo.

Cosa significa ascoltare veramente? Significa mettere la persona al centro del pensiero e dell’attenzione in quell’ora o meno di durata della seduta di allenamento o di trattamento fisico. Significa accantonare il resto ed “esserci”. Le persone non chiedono tanto. Ma osservano e notano se ci “siamo” davvero, se magari ci siamo ricordati che la settimana precedente avevano un incontro di lavoro importante oppure se i figli hanno superato con successo un esame.

Ascoltare davvero non è facile, ma nemmeno impossibile.

Per ascoltare dobbiamo essere lì, nel presente, con il nostro cliente, ma per davvero.

Se ascoltiamo, le persone si sentono accolte e più inclini ad essere costanti nel programma di allenamento o nelle terapie. E’ una questione puramente “di pancia” : abbiamo bisogno di essere coccolati, ogni tanto.

Le espressioni facciali

Sembra strano come discorso, eppure influiscono tantissimo.

Se è vero che il linguaggio verbale influisce per una piccola percentuale soltanto nella comunicazione, è utile guardarsi allo specchio.

Il viso racconta, eccome se racconta. Il modo in cui aggrottiamo la fronte o muoviamo gli angoli della bocca può far percepire al nostro cliente messaggi nascosti, più o meno gradevoli. Quasi mai ci facciamo caso, eppure il viso è lo specchio di ciò che pensiamo.

Vi consiglio un libro molto interessante a proposito: “Giù la maschera” di Paul Eckman (allievo di Darwin) e Wallace V. Friesen , Edizioni Giunti

Facciamo attenzione alle espressioni facciali. Magari non tutti i nostri Clienti o pazienti sono così sensibili da coglierne le sfumature, ma alcuni lo sono e lo notano.

Il viso può creare barriere o costruire rapporti solidi e di fiducia.

Se vogliamo avere successo come Personal Trainer o terapisti di fiducia, non possiamo esimerci dal lavorare su noi stessi, ogni giorno.

Nonostante le difficoltà, le giornate non sempre facili, gli impegni.

Facciamo la differenza se sappiamo comunicare bene e lasciamo vivere il nostro lato umano.

Articolo banale e scontato?

Guardatevi allo specchio!

Alla prossima!

Fonte:

A Better Patient Experience Through Better Communication, Lang EV. J Radiol Nurs. 2012 Dec 1;31(4):114-119.

CATTIVA DIGESTIONE? IL COLPO DI FRUSTA UNA DELLE CAUSE

Uno dei sintomi più comuni che si riscontra tra le persone è la cattiva digestione, ovvero la cosiddetta dispepsia.

Per dispepsia si intende un rallentato svuotamento gastrico dopo i pasti, associato a sensazione di gonfiore all’addome, precoce senso di sazietà e talora eruttazioni e dolore nell’area dello stomaco.

Tale sintomo frequentissimo poggia le sue origini su condizioni patologiche che lo scatenano, come per esempio il reflusso gastroesofageo (reflusso di materiale acido dallo stomaco in esofago), oppure la gastrite (infiammazione della mucosa dello stomaco, dovuta a fattori aggressivi come caffè, fumo o alcool).

Per questa ragione, i medicinali antiacido la fanno da padroni nella popolazione: zittiscono il sintomo, talvolta però senza indagarne la causa.

L’Osteopatia – disciplina medica manuale che si occupa del riequilibro dell’organismo in toto tramite manipolazioni muscoloscheletriche e tessutali – va a fondo e, possibilmente, rinunciando all’ausilio di farmaci, indaga sull’origine dei sintomi che i pazienti riportano durante la seduta.

Si è visto che una delle cause frequenti che portano cattiva digestione è il colpo di frusta, sia esso recente o anche di vecchia data. Perchè proprio il colpo di frusta?

Consideriamo inizialmente la situazione dal punto di vista dell’organo più coinvolto nel colpo di frusta: il fegato.

Il fegato è posto nella parte superiore dell’addome, in parte appena sotto le ultime costole di destra e ricopre la parte finale dello stomaco e la parte iniziale del duodeno. E’ “appeso” al diaframma tramite tre legamenti fibrosi (due laterali ed uno centrale) che ne costituiscono uno dei mezzi di fissità.

I due legamenti laterali, però, ne conservano anche una determinata mobilità, favorendone una bascula in avanti e indietro. E’ interessante considerare come la mobilità di ogni organo venga conservata, perchè favorisce un miglior afflusso di sangue alla sua parete che ne definisce il buono stato di salute.

Durante il colpo di frusta il corpo subisce una brusca spinta indietro seguita da un’altra, più forte, di contraccolpo in avanti. La prima fase dell’incidente porta il collo in forte estensione all’indietro, mentre la seconda fase costringe la cervicale ad una brusca flessione in avanti e fissa il fegato in alto sotto il diaframma, diminuendone di molto la mobilità.

E’ così che i due legamenti laterali sospensori del fegato si trovano accorciati in uno stato di forte tensione che mantiene il fegato eccessivamente “incastrato” sotto il diaframma.

Risultato: Una ridotta mobilità del fegato comporta una ridotta vascolarizzazione d’organo, un suo drenaggio diminuito e, a lungo andare, può influenzare negativamente sulla produzione di bile sia da parte del fegato stesso, che da parte della colecisti che è applicata proprio sotto la parete inferiore del fegato.

La bile, infatti, concorre, insieme ai succhi secreti dal pancreas, alla emulsione dei grassi assunti con gli alimenti ed alla ulteriore scissione delle proteine nei loro mattoni costitutivi (gli aminoacidi). La cattiva digestione è anche dovuta ad un’alterazione di queste delicate reazioni biochimiche che avvengono nell’apparato digerente.

Se avete subito un colpo di frusta, affidatevi ad un Osteopata, che potrà controllare lo stato di salute dei vostri organi interni, ed in particolar modo di fegato e colecisti.

Magari vi troverete a non dover più assumere antiacidi e starete bene in maniera naturale!

‘STORIE QUOTIDIANE’ – IL TRAILER

Video

Il Benessere raccontato in 10 puntate.

Tutti possono accedere ad una migliore qualità di vita grazie all’allenamento ed alla cura personale.  L’impatto positivo dell’attività fisica è importante non solo dal punto di vista della salute, ma influenza positivamente anche la vita quotidiana e le relazioni di ognuno di noi.

‘Storie Quotidiane’ è una miniserie in 10 puntate, scritta e diretta da me, che rappresenta l’esperienza di persone comuni che decidono di stare meglio grazie al Fitness accessibile a tutti.


Guarda la serie sul mio Canale YouTube!